Il Counseling è l’arte dell’ascolto, l’arte di aiutare ad aiutarsi.

Il Counseling è un prezioso strumento che conduce a far acquisire alla persona, nuove e più funzionali possibilità di gestione e risoluzione autonoma delle proprie difficoltà, può quindi aiutare a crescere/vivere nel modo più grandioso possibile affinché ognuno divenga ciò che è…una quercia!

Fornisce un’opportunità per ottenere una maggiore soddisfazione e migliore qualità di vita come individui e come membri della società,  un percorso evolutivo di crescita personale e di conoscenza di sé stessi, attraverso un processo di esplorazione e chiarificazione dei propri bisogni, desideri, esigenze, intenzioni, aspettative, motivazioni, azioni e difficoltà,

 

 

Ma COS’E’ IL COUNSELING?

Il termine Counseling, dal verbo inglese “to counsel”, è risalente a sua volta al latino “consulo-ere”, composto da “cum” e “solere” ovvero “alzarsi insieme” e traducibile in “venire in aiuto”.

Il Counseling è una tecnica di colloquio di aiuto che si sviluppa tra due persone, il counselor ed il cliente; è un uso della relazione abile e strutturato, che sviluppa l’autoconsapevolezza, l’accettazione delle emozioni, la crescita, le risorse personali. Instaurare con il cliente un rapporto empatico, accogliente e non giudicante, è di per sé fonte di sostegno al cambiamento.

Le abilità di Counseling, possono renderci capaci di “aiutare noi stessi ad aiutarci” e di “aiutare gli altri ad aiutarsi”. È la capacità empatica di ascoltare attivamente, che può davvero far sentire agli altri e a noi stessi, una calda vicinanza umana: ciò rende migliore, o almeno più tangibile e vera, la nostra presenza in ciò che stiamo facendo e sperimentando emotivamente, nel contatto con gli altri.

In particolare i maggiori approcci da cui attinge il counselor sono:

l’approccio Psicodinamico – branca della psicologia che spiega i fenomeni mentali come il risultato di un conflitto; ha le sue basi ed origini nella Psicoanalisi, modello teorico e psicoterapeutico sviluppato da Sigmund Freud negli anni intorno al 1880;

l’approccio Cognitivo – comportamentale, o TCC – è una forma di psicoterapia pratica a breve termine, orientata ad obiettivi, che mira a trasferire abilità cognitive e comportamentali utili a modificare pensieri, emozioni e comportamenti, fonti di disagio. Sviluppata negli anni ’60 dagli studi dello psichiatra e psicoterapeuta Aaron Beck, considerato l’iniziatore dell’approccio classico della psicoterapia cognitiva, affonda le sue origini nella psicologia sperimentale degli anni ’20, in particolar modo negli studi dello psicologo John Watson e del fisiologo Ivan Pavlov, fondatori del Comportamentismo;

 l’approccio Sistemico – relazionale – nasce negli anni ‘50 e fa capo al gruppo di Palo Alto di Bateson e di Watzlawick, conosciuto per la sua “pragmatica della comunicazione”;

Umanistico – Esistenziale o centrato sulla persona – enfatizza le qualità personali di ciascun soggetto e le sue possibilità di crescita psicologica, considerando la persona come un’entità a sé stante. Nell’ambito della psicologia umanistica, particolarmente rilevante è la figura di Carl Rogers, fondatore del Counseling;

 la Gestalt – metodo psicoterapico post-analitico, che integra in una sintesi unica i modelli corporei, esperienziali, del profondo, di gruppo e familiari, è nata negli Stati Uniti negli anni ’50, grazie alle intuizioni dello psicoanalista tedesco Frederick Perls, della moglie Laura Posner e di un gruppo di intellettuali statunitensi, tra cui Paul Goodman e Isadore From;

l’Analisi Transazionale – è una teoria psicologica ideata da Eric Berne negli anni ’50; “in quanto teoria della personalità, fornisce un quadro di come siamo strutturati dal punto di vista psicologico”. Essa studia i processi intrapsichici, i processi relazionali e quelli distorti

I vari approcci, nel corso del tempo, sono sempre più stati integrati fra loro.

Oggi infatti si può a tutti gli effetti, parlare di Counseling integrato per arrivare a definire modalità di gestione più ricche e articolate, offrendo un aiuto unico, originale e personalizzato e aumentando in tal modo l’efficacia dell’intervento.